Marco Merlano

Marco Merlano, è direttore dell’Unità di Oncologia Medica, direttore del Dipartimento di Oncologia Clinica e responsabile del Laboratorio di Oncologia Traslazionale presso l’Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle, Cuneo, Italia.
Ha conseguito la laurea in medicina presso l’Università di Genova, e successivamente ha completato la specializzazione in Oncologia Medica presso lo stesso istituto.
In seguito è stato Visiting Scientist presso il laboratorio di radiobiologia del Prof. WB Looney all’University of Virginia Medical Centre lavorando sulla base preclinica della combinazione di farmaci e radiazioni.
In precedenza è stato vice-direttore dell’Unità di Chemioterapia ad alte dosi, Unità di Oncologia Medica, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro, Genova, Italia.
Il Dottor Merlano ha inoltre ricoperto posizioni di insegnamento nelle scuole di specializzazione di Oncologia Medica presso l’Università di Genova e presso l’Università di Torino.
E’ membro attivo della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO), estensore delle linee guida ESMO per il tumore della testa e del collo e coordinatore del gruppo testa-collo della stessa società scientifica dal 2012. E’ inoltre membro della American Society of Clinical Oncology (ASCO), la Società Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e membro onorario della New England Cancer Society.
È Presidente uscente del Gruppo Oncologico Nord-Ovest (GONO)
Il Dr. Merlano è invitato come oratore in molte conferenze internazionali di spicco come ESMO, ICHNO, THNO e ha ricevuto fondi di ricerca da pubblici (Consiglio Nazionale delle Ricerche – Roma) e da istituzioni senza scopo di lucro (AIRC – Milano, S. Paolo della Fondazione – Torino, RoFar Fondazione – Zurigo, Fondazione CRC – Cuneo).
È autore o co-autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche internazionali, la maggior parte dedicate ai tumori della regione testa-collo, e, in particolare, al ruolo di schemi di chemioterapia e/o farmaci biologici come radiosensibilizzanti, con un interesse particolare per la ricerca traslazionale.
Attualmente presiede o co-presiede studi clinici randomizzati nazionali sulle neoplasie del distretto testa-collo. Ha anche sviluppato un progetto per lo screening del melanoma, sulla base di specifica espressione di mRNA circolanti.
I suoi campi di maggiore interesse preclinico includono fattori legati ai tumori della regione testa-collo, (come ad esempio l’ipossia e HPV), RNA non codificante, oncologia immunitario (in particolare ADCC).